In dettaglio

Il Piano per il Diritto allo Studio, tra i vari interventi, ha confermato anche per il biennio 2021/2022 e 2022/2023 la realizzazione dei consueti servizi di prolungamento dell’orario nelle scuole dell’infanzia e nelle primarie statali a condizione che venga raggiunto un numero minimo di iscritti. In seguito all'emergenza Covid è stato stabilito di attivare i servizi di prolungamento dell’orario scolastico con almeno 7 iscritti.

Il Piano Scuola 2021 -2022 del Ministero dell’Istruzione prevede, inoltre, anche per il nuovo anno scolastico il mantenimento della stabilità dei gruppi classe nelle scuole dell’infanzia e la conferma delle norme sul distanziamento interpersonale negli altri ordini scolastici.

A fronte di questo Il Comune ha previsto:

  1. l'attivazione dei servizi nelle classi con almeno 7 iscritti a partire da lunedì 4 ottobre
  2. l'attivazione dei servizi nelle classi con almeno 6 iscritti, disponibili ad accettare una maggiorazione tariffaria: in caso di adesione alla maggiorazione nei tempi indicati dall'Ufficio Scuola, i servizi potrebbero essere attivati dal 18 ottobre
  3. l'assegnazione per il trimestre ottobre - dicembre di un contributo alle famiglie che non hanno potuto accedere al servizio per insufficiente numero di iscritti in modo da aiutarle a sostenere i costi per la partecipazione ad attività pomeridiane alternative gestite da privati.

È stato possibile fare questo utilizzando i fondi residui già stanziati per i Centri Estivi.

Il contributo varia da 80 a 150 euro, in relazione all'ISEE, applicando gli scaglioni tariffari previsti per il servizio di refezione scolastica, come segue:

  • Indicatore ISEE fino a 7.000,00 euro: contributo 150 euro
  • Indicatore ISEE da 7000,01 a 8.500,00 euro: contributo 140 euro
  • Indicatore ISEE da 8500,01 a 10.000,00 euro: contributo 130 euro
  • Indicatore ISEE da 10.000,01 a 11.500,00 euro: contributo 120 euro
  • Indicatore ISEE da 11.500,01 a 15.494,00 euro: contributo 110 euro
  • Indicatore ISEE da 15.494,01 a 33.000,00 euro: contributo 100 euro
  • Residenti senza ISEE o residenti con ISEE oltre 33.000,00 euro: contributo 80 euro
"L'Amministrazione comunale, anche in un anno così complicato, non smette di stare vicino ai cittadini - commenta l'assessore alla Scuola Guido Bellatorre -, assicurando nel rispetto dei protocolli sanitari il servizio di dopo scola e laddove ciò non è possibile garantendo comunque un contributo economico equipollente".
 
Per ogni gruppo attivato in classe il Comune si è fatto carico in via straordinaria dei maggiori costi delle quote per posti vacanti per ogni gruppo in classe, che dovrebbe essere di 14 alunni nelle scuole dell'infanzia e di 19 alunni nelle scuole primarie.
 
Per le numerose classi con pochissimi iscritti si è tentato di coinvolgere il gestore delle palestre scolastiche per realizzare un'offerta alternativa che consentisse di raggruppare alunni di classi diverse. Complessità organizzative non hanno consentito putroppo di approntare un servizio alternativo su 5 giorni settimanali per gruppi misti di età diverse e non è stato possibile nemmeno attivare il servizio con maggiorazioni tariffarie, sia per il pesante esborso economico richiesto (ulteriori integrazioni di quote mancanti a carico della fiscalità generale), sia per per l'elevato numero di educatori e di commessi scolastici che sarebbe stato necessario avere a disposizione.

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Informazioni cookies